I VIAGGI CHE FELDENKRAIS AVREBBE VOLUTO FARE IN ROMAGNA

Primo viaggio culturale: le Fosse di Sogliano al Rubicone.

Al termine di una giornata intensa di recupero della formazione professionale del Metodo Feldenkrais “Strigara 3”, condotta da Tina Broccoli (assistente trainer) col la collaborazione di Simone Broccoli, sotto una nevicata copiosa, ci siamo avventurati a Sogliano per la visita alla Fossa Brandinelli.

jmhngf

La tradizione del formaggio di fossa risale almeno al XIV secolo quando la popolazione del luogo per proteggere le proprie derrate alimentari dalle continue incursioni dei nemici, le nascondeva nelle fosse di arenaria, profonde generalmente 3 metri. Gli alimenti venivano stipati e poi coperti con paglia e terra per essere così camuffati. Già al tempo si scoprì che il formaggio lasciato stagionare nelle fosse a circa 22° gradi sgrassava divenendo di qualità eccezionale. È nato così il formaggio di fossa che a Sogliano ha il suo luogo d’elezione. Oggi ci sono circa 40 fosse in una decina di case private.

La Fossa Brandinelli è collocata in un palazzo che era inserito nella cerchia muraria racchiudente l’antica Sogliano, al cui vertice un tempo svettava il castello Malatestiano, oggi non più esistente.

L’ambiente della Fossa Brandinelli unisce il fascino dell’antico con quello della modernità: le pareti in morbida arenaria disegnano un antro suggestivo con l’apertura di 5 fosse. La fossa ha generalmente la forma di un fiasco che viene accuratamente preparata per accogliere il formaggio. All’interno si brucia della paglia per igienizzare ed al contempo togliere l’umidità del locale che potrebbe rovinare la fermentazione del formaggio; poi, si crea un rivestimento di paglia che viene sostenuto da un’intelaiatura di canne tenuta insieme da cerchi di legno, mentre sul fondo vengono adagiate tavole di legno che consentono lo scolo del grasso del formaggio in fermentazione.

 nbv

Circa quarant’anni fa Giuseppe Broccoli con un gruppo di volontari della Pro Loco di Sogliano si è occupato di risvegliare e recuperare la tradizione del formaggio di Fossa che negli anni del dopo guerra si era persa. Col passaggio dalla civiltà contadina a quella industriale le campagne si erano infatti spopolate e questo aveva fatto sì che quest’antica tradizione venisse abbandonata.

Broccoli ci ha raccontato che il formaggio tradizionalmente veniva messo in fossa nelle prime due settimane di agosto per essere tolto a fine novembre, durante la fiera dedicata a Santa Caterina.

 gs

Giuseppe Broccoli nel 2003, allora presidente della Pro Loco,

alla presentazione del libro “Ritorno alla vita con il Metodo Feldenkrais”.

.

Il Formaggio prima di essere messo in fossa doveva raggiungere una stagionatura di almeno 60 giorni, frutto del primo foraggio primaverile di maggio. Al tempo si producevano piccole caciotte di latte di vacca o pecora che prima i contadini facevano stagionare su assi di legno e poi inserivano in sacchi di cotone per essere riposti in fossa: il risultato era un formaggio ideale per essere grattugiato.

kjgyyh

Ancora oggi molti aspetti di questa produzione sono stati mantenuti, ma per aumentare la produttività la messa in fossa non viene più effettuata con la sola cagliata di maggio poco prima di ferragosto (unica perché ottenuta dal foraggio primaverile), ma può avvenire anche 2-3 volte l’anno, facendo venire meno un aspetto importante della tradizione.

La nostra visita si è conclusa attorno al tavolo di Brandinelli degustando il formaggio di fossa con un buon bicchiere di Sangiovese romagnolo, ci ha accolto con la tipica cordialità romagnola raccontandoci la storia che abbiamo appena condiviso.

Il giorno dopo è stato un simpatico ospite del Centro, scambiando l’ospitalità.

Si ringrazia:

Fosse Brandinelli, Via XX Settembre n. 2/b, tel./fax 0541 948068, 333 6817248.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s