Si parla del Metodo Feldenkrais alla mostra collettiva dal titolo “L’immagine dell’ immaginarsi”

La Fondazione Giovani Leoni Onlus si prefigge di aiutare bambini con disabilità, al fine di sensibilizzare e instaurare un dialogo con il territorio per far conoscere attraverso la cultura, la realtà di bambini meno fortunati.

Nel primo appuntamento del 2018, che si terrà il 25 maggio presso la sede di Zianigo di Mirano (Ve), Via Varotara, 57, verrà realizzata una mostra collettiva che si propone di indagare il ritratto: l’immagine dell’Io e l’influenza che questa ha oggi, grazie alle nuove tecnologie a nostra disposizione. L’iniziativa avrà per titolo: “L’immagine dell’Immaginarsi” e sarà accompagnata da un catalogo con interventi di Massimo Donà e Ivo Prandin. Partendo dall’idea che il ritratto più completo e profondo di un artista, sia il suo linguaggio espressivo ha utilizzato una foto che ritrae l’artista, con un suo intervento pittorico, alla quale è stata affiancata un’opera su carta dello stesso autore. Il progetto consiste nel mettere a confronto, il ritratto fotografico dell’artista, con la sua personalità attraverso il suo linguaggio stilistico. Una riflessione su ciò che la sua immagine vista da altri occhi suggerisce, come fosse un doppio che riflette e interagisce con la stessa e diventa memoria e storia per noi tutti. Hanno aderito a questo progetto:

Franco Beraldo, Enzo Cacciola, CCH, Vincenzo Cecchini, Giorgio Celiberti, Franco Costalonga, Sergio Fermariello, Giorgio Griffa, Luigi Magli, Max Marra, Paolo Masi, Paolo Patelli, Michelangelo Penso, Pino Pinelli, Raffaele Rossi, Tino Stefanoni, Claudia Steiner, Paolo Valle, Luigi Viola, Luigi Voltolina.

I fotografi: Campos, Carugo, Cilurzo, Costantino, Gennaro, Landi, Sacchetto, Terzago, Toffolo. Curatore artistico è Giorgio T. Costantino.

Questa mostra segue le due precedenti personali tenutesi nel corso dell’anno 2017 dei Maestri Paolo Masi e Vincenzo Cecchini (rispettivamente intitolate “rivelazioni delle superfici” e “schermi di luce” con introduzioni dei critici Edoardo Di Mauro e Claudio Cerritelli). Gli sponsor sono Gruppo Green Power s.p.a. e Grafiche Quattro s.r.l. che ha anche curato la stampa del catalogo. La mostra ha ottenuto il patrocinio della Regione Veneto e del Comune di Mirano.

In tale occasione il Presidente della Fondazione Christian Barzazi illustrerà il Progetto 2018 della Fondazione: promuovere la conoscenza dei benefici che possono trarre dal “Metodo Feldenkrais” i bambini colpiti da paralisi cerebrale infantile, autismo, sindromi genetiche, iperattività, disordini dell’attenzione, problemi dello sviluppo e diffondere la conoscenza del Corso Professionale diretto in Italia (presso il Centro Scientifico del Movimento” di Simone Broccoli – esperto insegnante Feldenkrais – di Strigara di Sogliano al Rubicone – FC) da Eilat Almagor, straordinaria senior trainer ed insegnante Feldenkrais, tra quelli con maggiore esperienza al mondo ed in particolare nell’insegnamento ai bambini colpiti da una qualche disabilità. Eilat Almagor si è diplomata insegnante Feldenkrais in Amherst (USA) nel 1983, nell’ultimo training tenuto da Moshe Feldenkrais. Ha conseguito la laurea in Neurobiologia, un Master in Scienze Ambientali, e Baccelorato in Matematica e Fisica, presso l’Università Ebraica di Gerusalemme. Sin dal 1990 Eilat Almagor è Direttrice Didattica di Corsi Professionali Feldenkrais in Italia, Israele e Giappone.

Estratto del testo presente nel catalogo della mostra.

Il “Metodo Feldenkrais” è un processo di apprendimento individuale basato su una stretta integrazione tra movimenti, sensazioni, sentimenti e pensiero che ha come fine il funzionamento efficiente del corpo umano. A partire dalla consapevolezza del proprio corpo, dei suoi limiti, delle sue potenzialità, delle sue azioni e reazioni, il Metodo Feldenkrais, consente di individuare, ridurre o evitare dolori, malesseri psicofisici, riduzioni posturali o funzionali e a ristabilire un tono muscolare equilibrato in tutto il corpo. Oltre a ciò, tale Metodo è particolarmente apprezzato nel mondo dello spettacolo e dello sport poiché porta ad incrementare le proprie prestazioni. Si tratta di un lavoro raffinato di presa di coscienza delle sensazioni provenienti dal proprio corpo e dall’osservazione non del movimento in sé, ma di “come” il movimento viene eseguito. Migliorando la consapevolezza di sé si arriva ad aumentare la maturazione del sistema nervoso e quindi si giunge ad apprendere delle sequenze di movimenti in maniera più efficace di prima. Si acquisiscono via via nuovi schemi di azione che portano a movimenti consapevoli. Ciascuno giunge così a fare le cose che sa fare in modi diversi e nello stesso tempo può liberare se stesso da comportamenti stereotipati e da movimenti abituali eseguiti meccanicamente, spesso causa di blocchi e di irrigidimenti. Si tratta di un approccio dolce che si focalizza, anziché nello sforzare l’allievo ad acquisire le tappe che non ha raggiunto, attività che rischia di evidenziare in maniera maggiore le limitazioni di cui soffre, nell’aiutare il cervello a creare nuove connessioni, imparando spontaneamente. È stata questa l’idea innovativa di Moshe Feldenkrais (1904-1984) ingegnere e fisico israeliano di origine russa che dopo aver svolto approfonditi studi sull’anatomia, sulla psicologia e neurofisiologia umana e soprattutto infantile, mise a punto sequenze di movimenti che divennero veri e propri processi di apprendimento per il funzionamento ottimale del corpo. In particolare furono importanti gli studi che egli fece intorno ai processi di Apprendimento Infantile, allo Sviluppo Motorio del bambino e dello struttura-funzione del corpo e del cervello poiché proprio attraverso quei movimenti che simulano l’apprendimento naturale dei bambini, possono essere recuperate o migliorate funzionalità mai acquisite, danneggiate o perse per diverse cause (paralisi cerebrale infantile, ictus, etc.).

Formazione Feldenkrais “Strigara 4” – Agosto 2017

Nonostante il grande caldo dei primi giorni, siamo riusciti a portare a termine la sessione estiva del secondo anno del corso di Formazione Feldenkrais “Strigara 4”. Anche se il segmento è stato lungo ed impegnativo, gli studenti,  hanno avuto modo di potare avanti e sviluppare un lavoro di apprendimento intenso e ben strutturato, dinamico ma profondo. Per questo motivo ringrazio i Trainer, assistenti  e collaboratori che hanno contribuito a rendere tutto ciò possibile ma, soprattutto ringrazio gli studenti, che con la loro presenza e la loro voglia di imparare, tengono viva la Formazione Feldenkrais .

Simone

Post training with Eilat Almagor – “Working with Children with Special Needs”

CENTRO SCIENTIFICO DEL MOVIMENTO – METODO FELDENKRAIS®

POST-TRAINING with EILAT ALMAGOR

 “Working with Children with Special Needs”

November 3-4-5 2017

Post training with children with special needs on the subject of:

Efficient Approximations. In the last two advanced children seminars, we explored how to work with a child in possible , comfortable postures in which he can feel and do an action which relates to a specific function. Mainly we addressed basic functions like balance, using the support of a floor for pushing in order to advance or in order to balance, falling etc. We could see the important role of Approximations tailored creatively for each child and at each moment.In the present seminar we will learn how to make the approximation really relevant for the child. what are the means to ensure that also the child himself feels it as an approximation of the addressed function.

Organization of the seminar: Schedule:

• Each day will start with an ATM for practitioners and parents
• Then, an FI demonstration with one of the children, followed by a discussion and then practice of the practitioners among themselves of a specific idea taken from the demonstration
• In the afternoon, the children will arrive and each child will receive and FI from a practitioner. (A group of 3 practitioners will be assigned to each child, for the three days. Each day one practitioner of the group will give an FI to the child and the 2 others will observe). The practitioners will adapt the idea which has been practiced in the morning, to the specific abilities of their child. The trainers will support and supervise the practitioners.
• A summary discussion.


The Post Training will take place at the Centro Scientifico del Movimento
Participation fee €250+VAT ( tot 305 euro)
Schedule: 10:00AM–1:00PM / lunch break / 2:30PM–4:30PM

Stay at the Center where the training will take place is  €25 per night per person. In each apartment there are two beds and a bathroom on the ground floor and a single bed in the loft (or two beds in the loft and 1 bed on the ground floor). We don’t have single rooms and all the rooms are connected to each other.
All the apartments will be available from the evening of November 2, 2017.
The training will be held in English, with a consecutive translation in Italian.
All the attendees can pay the whole amount (305 Euro) via bank transfer by October 10, 2017 or make a down payment of 100 Euro by October 10, 2017 and pay the rest  (205 Euro) by November 3, 2017.


Bank details:Account number: 1933

Account holder: SIMONE BROCCOLI

Bank: CASSA DI RISPARMIO DI CESENA FILIALE DI SOGLIANO AL RUBICONE

IBAN – IT 15 V061 2068 060C C009 0001 933

BIC ( Swift Code )  –  CECRIT2C

The participants who come by car are required to bring their tables.

for information:

Centro Scientifico del Movimentovia Castello, 11 – 47030, Strigara di Sogliano al Rubicone (FC)Telefono 0541-948035 – http://www.centrofeldenkraiscsm.it

e-mail: info@centrofeldenkraiscsm.it

Pagina Facebook e Twitter: Feldenkraiscsm

Post training with Eilat Almagor - "Working with Children with Special Needs"